Tuesday, July 26, 2011

La storia del poeta Awadhi
❀❀❀
C’è una bella storia musulmana che racconta di un grande poeta, di nome Awadhi.
Awadhi stava sotto il pergolato di una casa, piegato, a osservare dentro un catino.
Passò di lì un mistico sufi di nome Shams.

Shams osservò per un po’ il poeta e quel che stava facendo e infine gli chiese: “Ma che cosa sta facendo lì tutto piegato?”. 

Il poeta rispose: “Sto contemplando la luna in un catino d’acqua”. 
Il mistico scoppiò a ridere apertamente, spontaneamente, fragorosamente...
Il poeta incominciò a sentirsi imbarazzato, anche a causa delle persone che iniziavano a fermarsi a guardarlo, per cui chiese: “Che cosa c’è da ridere? Perché mi rendi ridicolo?”.

Shams, il sufi, rispose: “A meno che tu non ti sia rotto il collo, perché non guardi la luna direttamente nel cielo, anziché il suo riflesso?”.

La luna è lassù oggi, piena, splendente, domani forse un quarto, ieri forse metà, ma in ogni sua manifestazione è la luna vera, mentre il poeta stava a guardare il riflesso. Cercare la verità nelle filosofie, negli “ismi”, sui libri, domandare agli altri, è cercare la luna nel catino.
Lo Zen, se domandi quale sia il significato della vita, non può risponderti, può solo darti dei mezzi per trovare la risposta dentro di te. Se gli domandi come uscire dal dolore, non può darti l’indirizzo della gioia, può solo indicarti la Via alla tua consapevolezza, al tuo modo per uscire dal dolore ღ

(Da Vivere Zen di Carlo Tetsugen Serra)
 

5 comments:

  1. Bello vero? anch'io me la sono scritta . :)

    ReplyDelete
  2. orchidea...se non ti firmi non potrò mai sapere chi è passato a leggermi :

    ReplyDelete
  3. Che bella.Anche la tua spiegazione.

    *Mi ricorda se così si può dire,come concetto, la storia zen "niente più acqua nel secchio,niente più luna nella'acqua",su cui mi ci sono spaccata un bel po' la testa!

    ReplyDelete
  4. ciao Ale che piacere leggerti....la spiegazione non è farina del mio sacco ma del mio Maestro. Si è vero, ora che me lo fai notare è molto simile a quel koan. E chi non ci si è spaccato la testa? Quello e molti altri. Ora me la sto spaccando con "qual'era il tuo volto originario prima che tu nascessi?".....

    ReplyDelete
  5. Ops credevo che solo il racconto fosse stato preso da Vivere Zen :)

    Credo mi butterò anch'io sul volto originario ormai mi hai aperto una porta aiutooooooooooo ^-^

    ReplyDelete