Sunday, July 22, 2012



Lo Zen del Gatto 
(Elettra)

❀❀❀

Ho tre libri aperti. 
Uno per i momenti di tranquillita' ed e'  "Il Sutra del Cuore"  di Gyatso Tenzin (Dalai Lama), uno per i momenti dove non sono sola e mi e' difficile la concentrazione sicuramente piu' leggero (ma non per questo poco bello, anzi) ed e' "Norwegian Wood - Tokyo Blues" di Haruki Murakami ed un'ultimo per quando sono fuori casa e non ho un libro da leggere (esempio in pausa al lavoro o aspettando il bus) ed e' "Lo Zen del Gatto" di Ludovica Scarpa. 
Quest'ultimo e' un librettino di facile lettura, leggero si ma con momenti in cui ti fa veramente capire quanto un gatto possa essere un vero maestro Zen, un maestro di vita. 
Questa la frase letta ieri prima di mettere l'ennesimo segnalibro... 

Zorro, il nostro maestro zen peloso e striato, lui che non vuol farsi accettare per forza, lui che tiene il mondo sotto i cuscinetti, ci insegna che la cosa più importante è esserci e basta, che non bisognerebbe viver meglio ma semplicemente viver bene. 

D’altronde, basta una “scrollata di coda”


Scritto in quarta di copertina:

Zorro è un gatto speciale, ha una medaglietta ma appartiene solo a se stesso, malgrado il nome non vuole lasciare alcun segno, è calmo e sereno, libero e autonomo, non si lamenta, non si preoccupa, non brontola, non si annoia.

Non ha bisogno di argomenti per essere un buon gatto, lo è e basta. Non si aggrappa alle cose, ci si distende sopra. Il gatto è un piccolo maestro Zen del nostro tempo, delle nostre città, dei nostri appartamenti.

10 comments:

  1. Allora a me è capitato decisamente un gatto non Zen, adesso, non so bene a quale corrente filosofico-religiosa possa appartenere, ma sospetto sia quella dei Rompi-Maroniti :)

    ReplyDelete
  2. Se lo fa con la consapevolezza di romperteli allora non ci sono dubbi...anche il tuo è un gatto Zen :-)
    Buondì Paolo....ogni tanto si ritorna qua!

    ReplyDelete
    Replies
    1. Si allora è propio Zen, perchè agisce sapendo di "agire" :) e quindi saprà cose che io dovrò imparare :) oppure rompe le scatole e basta :)) in ogni caso gli riesce benissimo :)

      Delete
    2. Ho dimenticato un pezzo :) in realtà passo molto spesso da "questi luoghi" :) capita altrettanto spesso che abbia poco da dire e quindi mi limito a leggere :)

      Delete
  3. Buondì Mary San, ma è sempre quel gatto che dà fastidio al tuo vicino??

    ReplyDelete
  4. Buondì falconiere zen.... quella che infastidiva (ora non più per fortuna) il vicino era la cana Sofia. Questa è Elettra che ama sostare sul mio zabuton a meditare. Medita su come finire in fretta le crocchette e farsene dare altre.
    Ti credevo in ferie... io latitanza estiva anche se oggi pare tornato l'autunno che tanto amo!

    ReplyDelete
  5. Se lo vuoi sapere possiamo entrambi condividere questo momento "d'autunno" in contemporanea, poichè anche quì finalmont è arrivato un pò di freschetto.
    Chissà cosa ne pensa Elettra di quella Bonza della sua amica Mary San!!!
    Felice di saperti latitante, perlomeno una volta tanto la parola latitante vuol dire libertà.

    Buona serata Mary San, il tuo falconiere zen, stà preparando un'ottimo pollo con le patate al forno e magari pure pure due zucchinelle gratinate.

    ReplyDelete
  6. *oh Kenzo so di questa frescura in contemporanea e dimme te se non è goduria pura! Unico inconveniente è la fase nonmismuovenessunodaldivano :-)
    Pollo bandito dalla tavola di zietta Mari tua ma in contemporanea anche co le zucchettine che so state er piatto forte de ieri co du spaghi da fa invidia ad Artusi... Li leggi nel mio alter ego blog ^_^

    *Paolo so che passi ogni tanto ma non trovi molto da leggere. Ho il cervello in manutenzione...
    Trovi molto di più tra i Papaveri dove ultimamente mi rilasso cucinando.

    Un bacio ad entrambe gli ometti frequentatori di questo luogo...

    ReplyDelete
  7. Ciao Mary stasera ho incontrato il tuo video in omaggio ai maestri zen e così dedico qualche respiro per incontrarti in un Gassho.. oggi Sanboji indossa il manto del Buddha bianco, bianco di neve che avvolge tutto anche la mente che tranquilla si posa sullo schermo di questo blog.. chissà quante foto faresti _/|\_

    da Kodai, del sangha della foresta di bambù

    ReplyDelete
  8. Ciao Kodai carissimo, hai ragione tu sai?... chissa' quante foto avrei fatto (ora forse un poco si sara' sciolta) e mi fa piacere che tu ti ricorda di questa mia passione (e come non potresti dato che per 3 giorni mi hai vista con la macchia fotografica in mano ed andare in panico quando pensavo di averla persa). Non sono piu' su FB, mi sono finalmente disintossicata ma avrei piacere se rimanessimo in contatto via mail. Scrivimi qui, se ti va... maribogni@gmail.com
    _/|\_

    ReplyDelete